Registrati /Login

Al via la prima edizione dell' "Impro Teatro Festival" – da "l'inchiesta Napoli"

30 Lug 2013

30 luglio 201301:07

Condividi

Al via la prima edizione dell' "Impro Teatro Festival"

Partirà a Napoli l'8 luglio e continuerà in Campania con un tour d'improvvisazione teatrale.

 

Napoli e il teatro si incontrano ancora una volta, in un appuntamento lungo ben tre settimane. Dall’8 al 21 luglio, si terrà la prima edizione dell’ “Impro Teatro Festival” che partirà dal capoluogo campano per poi proseguire nel tour d’improvvisazione teatrale alla volta di Bacoli, Mercogliano, Procida. Il festival vede coinvolte cinque compagnie provenienti da tutta Italia e oltre cinquanta attori, per dodici appuntamenti dedicati all’arte della scena improvvisata. Ma non solo gli attori, anche il pubblico sarà coinvolto come parte integrante degli spettacoli: prerogativa dell’improvvisazione teatrale è proprio quella della partecipazione ad un evento unico, spontaneo ed irripetibile. Gli improvvisatori infatti, non hanno alcuna drammaturgia, ma diventano autori, attori e registi dello spettacolo, e nel momento stesso in cui esso viene messo in scena e prende vita.

 

La manifestazione è a cura dell’Associazione nazionale Improteatro, nata del 2006 con l’obiettivo di promuovere l’arte dell’improvvisazione teatrale. Ciò è stato reso possibile negli anni grazie alle scuole ed associazioni teatrali distribuite su tutto il territorio nazionale che collaborano con il progetto Improteatro. Cinque sono le compagnie coinvolte, provenienti da tutta Italia (Quinta Tinta, CambiScena, Verba Volant, QFC Teatro, Voci e Progetti), Cinque le location scelte (l'Orto Botanico e Lanificio 25 a Napoli; Cast Cafè a Bacoli; 99 posti a Mercogliano (Av); Le Grotte Blu a Procida), nove i format proposti (Microstorie, Imprò, Improjam, Prova generale, Miniserie, Harold, Bistrot, Improvvisafiabe, Face to face). Tratto fondamentale di questo progetto, è l’aggregazione,l’avere un’ottica di tipo associativo che coinvolga una comunità di attori in primis, e di conseguenza anche il pubblico che voglia partecipare. Esempio di tutto ciò è Coffee Brecht, associazione presente nel nostro capoluogo, che offre la possibilità di frequentare un corso d’improvvisazione teatrale della durata di 3 anni e ha una compagnia locale di amatori.

 

Un’arte non molto conosciuta nel nostro Paese, quella dell’improvvisazione. Una disciplina che però meriterebbe più considerazione, come già avviene in altri Paesi, soprattutto per la professionalità che vi è alle spalle e la poliedricità che porta con sé. “L’improvvisatore è curioso, ascolta, non ha pregiudizi” ci spiega il direttore artistico Giorgio Rosa, “ma non deve però cadere nell’errore di diventare didascalico”. Un altro degli obiettivi che si spera di poter ottenere da questo evento, è quello di estenderlo nelle sue successive edizioni a tutta la Campania; “Quando dici o fai una cosa a Napoli, ti torna amplificata” aggiunge Rosa, “Mi auguro che possa diventare il centro nevralgico del teatro d’improvvisazione nazionale”. L’ “Impro Teatro Festival” è presente anche sui social network (facebook, twitter, instantgram) e il 15 e 22 luglio ci sarà la possibilità di prender parte adue lezioni di prova. Si parte l'8 luglio, con il primo spettacolo, “Microstorie”, della compagnia QFC Teatro, che sarà in scena presso l'Orto Botanico di Napoli; per il programma completo qui: http://www.improteatrofestival.it/programma/