Registrati /Login

ANSA – Torna

12 Feb 2014

12 febbraio 201409:02

Condividi

Assetto Teatro su Ansa

10 febbraio 2014

(Di Eugenia Romanelli) Tra febbraio e maggio, il Centro sperimentale di Improvvisazione e Teatro a Roma Assetto Teatro porterà in scena IMPRO, il format per eccellenza di improvvisazione teatrale, ancora oggi lo spettacolo di improvvisazione teatrale più rappresentato in Italia. Al Teatro Upter le squadre provenienti da diverse città di tutto lo Stivale si sfideranno per conquistare il gradimento del pubblico che “voterà” dopo ogni match. Non c’è testo, non c’è canovaccio, c’è un palco e c’è l’improvvisazione, stop. Infatti l'improvvisazione teatrale è l'arte di gestire l'istante, la tecnica che mette in opera la magia del qui e ora. Si parte il 16 febbraio con Assetto Teatro Vs Maia Compagnia Teatrale, poi il 16 marzo Roma Vs Cesena (Assetto Teatro Vs Theatro), e il 13 aprile Roma Vs Latina e Roma Vs Padova (Assetto Teatro Vs Cambiscena). Si chiude l’11 maggio con “Extra Impro” e tutti i professionisti di Assetto Teatro. “Per improvvisazione teatrale – spiegano gli organizzatori - si intende non solo un metodo che l’attore utilizza per raggiungere un determinato obiettivo legato al testo, ma uno spettacolo in cui sia interamente assente una trama scritta e in cui l’attore è allo stesso tempo autore e regista dello spettacolo”. L’improvvisazione infatti ha poche regole: l’ascolto, l’attenzione e la creazione collettiva. “Nella metodologia del lavoro l’aspetto ludico permette di sdrammatizzare le resistenze psicologiche che si possono manifestare nell’interazione con gli altri”. L'Associazione Culturale Assetto Teatro, nata dall’incontro tra professionisti nazionali e internazionali del panorama teatrale, vanta nel suo team non solo attori, ma anche performer, registi, pedagoghi e formatori. “Il nostro obiettivo – spiegano – è di promuovere e diffondere, attraverso l'associazionismo, la cultura teatrale a tutto tondo: dalla produzione di spettacoli di improvvisazione teatrale, di prosa e d'innovazione, a rassegne e festival, fino alla formazione”. Seguendo le più importanti scuole europee e nord americane e con loro prediligendo la multidisciplinarietà, la commistione di generi e l’utilizzo delle nuove tecnologie, questa tecnica tende a favorire la sperimentazione sia nel campo della produzione artistica sia nel campo della didattica: la scuola di Improvvisazione Teatrale Nazionale è suddivisa in tre anni di studio e rilascia il diploma in Improvvisazione Teatrale riconosciuto da Improteatro, scuola nazionale di improvvisazione teatrale.