Registrati /Login
2098img-thumb

Lab & Play

21 Ott 2012

21 ottobre 201202:10

Condividi

Labeplay

Inizia il ciclo di Lab & Play letterari

dove formazione e spettacolo si uniscono in un unico weekend.

Promosso dall'associazione culturale Verba Volant e dalla compagnia teatrale QFC

Ogni mese, a partire da ottobre e fino ad aprile (con eccezion fatta nel mese di gennaio), verrà organizzato uno stage (LAB) su una tematica legata ad un autore teatrale, letterario, cinematografico o ad una tecnica in particolare, della durata di 12 ore circa, nei giorni di sabato e domenica.

Terminato il LAB, il gruppo si esibirà sul palco di un teatro (PLAY) e sperimenterà in scena le tecniche acquisite, all'interno di uno spettacolo più ampio, incentrato sulla tematica proposta.

Ogni gruppo di lavoro avrà un limite di partecipanti (14)

Sia il LAB che il PLAY useranno come strumento di ricerca e di messa in scena, l'improvvisazione teatrale.

L'iniziativa ha una duplice funzione: far conoscere e approfondire un autore a degli attori improvvisatori e al pubblico, in una visione di considerare la cultura, come una ricchezza fruibile da tutti, in un modo semplice, divertente ed immediato.

Il laboratorio si terrà il sabato mattina e pomeriggio e la domenica mattina alla scuola VerbaVolant in Via Val Seriana 9 (zona Conca d'Oro) Roma.

Lo spettacolo inizierà alle ore 19:00 della domenica al Teatro La fonte di Castalia

in via Monteverde 57/A, Roma.

Scaletta della serata

Ore 19:00 Aperitivo con introduzione alla tematica a cura del docente/attore che ha condotto il corso.

Ore 19:30 Performance dei partecipanti al corso

A seguire "Questo non è uno spettacolo" fuori onda teatrale con la compagnia QFC.

Prenota il tuo posto al

Lab&Play_27-28 ottobre_Il teatro di Anton Cechov_

Orario Sabato 13:30-18:30, Domenica 10:00-17:00

Costo Laboratorio (€ 50 soci, € 75 non soci) Iscrizioni entro e non oltre il 20 ottobre

a info@verbavolant.roma.it o al 3479439412.

Dettagli del LAB&PAY de "IL TEATRO DI ANTON CECHOV" e informazioni sul docente Marco Mussoni.

PRIMO GIORNO (prima parte)

1) Panoramica a volo di gabbiano sull'opera di Cechov, in particolare su: "Ivanov", "L'orso" (atto unico), "Il gabbiano", "Lo zio Vanja", "Tre sorelle" e "Il giardino dei ciliegi"

2) I luoghi dove nascono le storie nelle commedie di Cechov

3) Le emozioni che vivono nei drammi

4) Incontro con i personaggi nell'opera russa di fine '800PRIMO GIORNO (seconda parte)

1) Riscaldamento incentrato sulla biomeccanica teatrale -rifiuto; spedizione; freno; punto-... in particolare si lavorerà sul RIFIUTO.

2) Lavoro con i bastoni e lavoro sul personaggio... individuare i DESIDERI che devono muoversi in funzione del tema principale che durante l'improvvisazione vogliamo rappresentare

SECONDO GIORNO (prima parte)

1) Riscaldamento incentrato sulla biomeccanica teatrale -rifiuto; spedizione; freno; punto-... in particolare si lavorerà sul PUNTO.

2) Lavoro nell'inserire determinati personaggi in situazioni prestabilite... trovare la violenza non solo nelle parole

SECONDO GIORNO (seconda parte)

1) Improvvisazioni... scoprendo che si possono lasciare anche i silenzi

Marco Mussoni

Nato a Rimini il 23 ottobre del '72 è attore, formatore, improvvisatore teatrale, presentatore e "giallista".
Da sempre con la passione per il cinema e il teatro, durante il periodo universitario partecipa ad un laboratorio teatrale che lo avvicina alla compagnia Stabile di Bologna con la quale poi interpreta per oltre 50 repliche Tebaldo in "Giulietta e Romeo" -dal "Romeo e Giulietta" di W.Shakespeare- con regia di Guido Ferrarini. Successivamente ha frequentato laboratori sulla dizione e recitazione all'accademia della Sig.ra Galante Garrone e successivamente comincia ad avvicinarsi all'improvvisazione teatrale con la LIIT (Lega Italiana Improvvisazione Teatrale), nel 2002, passati tre anni, diventa attore professionisti nell'ambito dell'improvvisazione teatrale.

Dal 2005 insegna per Improteatro. Partecipa a vari laboratori sul Clown (compagnia Kissmet di Bari e con Beppe Chirico), mentre nel 2010 comincia a seguire i corsi del maestro russo Nikolaj Karpov, col quale è nata una collaborazione nella provincia di Rimini per l'apertura di percorsi sulla Biomeccanica.

All'inizio del 2007 il suo lavoro arriva a toccare la sua vecchia passione per i gialli, sia nell'improvvisazione teatrale (trovandosi a lavorare in diversi format del regista Daniele Marcori per la compagnia QFC-teatro), che su testo, scrivendoli direttamente per spettacoli di successo in ristoranti di tutta Italia e per il teatro... le diffusissime "cena con delitto". La casa editrice Astorina nel 2008/2009 lo contatta per sceneggiare una storia con i personaggi del famoso fumetto italiano "Diabolik" e così ne esce "Diabolik, pugnali d'antipasto" dove oltre ad esserne l'autore, è anche attore e regista. Nel 2011 un altro dei suoi testi viene portato a teatro con un protagonista d'eccezione, l'attore siciliano Tony Sperandeo.

Come formatore ha condotto molti percorsi nell'ambito dell'improvvisazione teatrale e lavori su testo da "Aspettando Godot" di S.Beckett e da "Il mercante di Venezia" di W.Shakespeare, lavori sfociati rispettivamente negli spettacoli "Godot non aspetta" e "I 2 usurai di Venezia", nel secondo collaborando con l'attrice veneziana Giorgia Penzo per un interessante percorso sulle maschere nel testo shakespeariano.

Negli ultimi anni ha anche recitato in importanti produzioni su testo come "Interno 11" nel 2008, "YouDrama" nel 2009 e "Shabadabadà - quasi un varietà" nel 2012, tutti da idee e per la regia di Davide Schinaia, inoltre nel 2009 è protagonista in "Eutyches, Cerusico in Ariminum" di e con la regia di Guglielmo Guidi.

Manchi solo tu ... non farti aspettare !!!